Il CAI Abruzzo ribadisce la propria netta contrarietà ai mezzi motorizzati sui sentieri di montagna

Oltre alla mozione approvata all'unanimità che sottolinea i danni all'ecosistema di questo tipo di frequentazione, è stato sottolineata la mancanza di azioni contro la fauna protetta del Parco D'Abruzzo e l'aumento dei soci CAI nella regione.

Escursionisti CAI nel Parco D'Abruzzo

21 novembre 2016 - “Netta contrarietà alla presenza di mezzi motorizzati sui sentieri di montagna” è stata espressa all’unanimità dai delegati delle sezioni abruzzesi del Cai  (Club Alpino Italiano), riunitisi ieri ad Opi sotto la presidenza di Gaetano Falcone, Presidente regionale del Sodalizio

“Un’ipotesi di questo tipo – si sostiene nella mozione- comporterebbe un grave danno all’ecosistema della montagna e il progressivo degrado dei sentieri che, invece, hanno bisogno di manutenzione da parte delle istituzioni e degli enti preposti”. 

All’assemblea hanno preso parte anche il Presidente del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, Antonio Carrara, il sindaco di Opi, Berardino Paglia e il Presidente della Comunità del Parco, Antonio Di Santo. Quest’ultimo, nel corso del suo intervento, ha sottolineato come il fenomeno dei cosiddetti “orsi confidenti”, ossia degli animali protetti che si avvicinano ai centri abitati in cerca di cibo, sia in aumento e come a questo aumento non abbia corrisposto fino ad oggi alcun grave episodio di intolleranza da parte dei cittadini

“A dimostrazione – ha osservato – che per le popolazioni del parco la convivenza con la fauna protetta è diventata un fatto di assoluta consuetudine”.  Antonio Carrara ha auspicato una maggiore collaborazione per il Cai, non solo per la tenuta dei sentieri del parco, ma anche “per un’azione volontaria di sorveglianza in considerazione della costante presenza sul territorio protetto degli escursionisti iscritti al Sodalizio”.

Nella sua relazione il Presidente regionale, Falcone,  ha illustrato le attività svolte nel corso del 2016 dalle 22 sezioni regionali, le azioni di solidarietà nei confronti delle popolazioni terremotate di Lazio, Umbria e Marche, le proposte del Cai in materia di montagna nel confronto con la Regione Abruzzo ed ha messo in evidenza l’incremento del numero dei soci rispetto all’anno precedente.

All’assemblea hanno partecipato il consigliere nazionale, Eugenio di Marzio, il Presidente nazionale della commissione Tutela Ambiente Montano, Filippo Di Donato e i presidenti delle commissioni tecnico-operative.

Comunicato CAI Abruzzo

Scrivi commento

Commenti: 0
Meteo Abruzzo

Servizio nazionale di previsione neve e valanghe
CAI Abruzzo
CAI Abruzzo
Pagina facebook CRE
Facebook CRE

Parco Majella
Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise

Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga
Parco Regionale Sirente Velino